Il faro di Nugget Point, Catlins, Nuova Zelanda. Autore e Copyright Marco Ramerini
Il faro di Nugget Point, Catlins, Nuova Zelanda. Autore e Copyright Marco Ramerini

Il faro di Nugget Point: uno dei luoghi più fotografati della costa dell’Isola del Sud della Nuova Zelanda

Uno dei luoghi più fotografati della costa dell’Isola del Sud della Nuova Zelanda è il promontorio di Nugget Point con il suo faro. Questo tratto di costa si trova all’estremità settentrionale della costa dei Catlins nella regione di Otago.

Raggiungere il faro di Nugget Point è un esperienza entusiasmante, la strada per il faro passa lungo la costa toccando il piccolo insediamento di Kaka Point, nome che deriva dall’omonimo uccello (Nestor meridionalis) un pappagallo endemico della Nuova Zelanda. Qui potete sostare per ammirare e per fare una passeggiata lungo la grande spiaggia di sabbia dorata. Lungo questo arenile talvolta è possibile incontrare animali come pinguini occhi gialli, leoni marini, e anche foche leopardo provenienti dall’Antartide.

Ritornati in auto la strada prosegue lungo la costa con un alternarsi di spiagge e promontori. Poco prima del termine della strada conviene fermarsi a Roaring Bay, sulla costa meridionale della punta di Nugget Point. Qui un breve sentiero (poco più di 100 metri) da percorrere a piedi permette di ammirare dall’alto la spiaggia ciottolosa di Roaring Bay che ospita una piccola colonia di pinguini dagli occhi gialli  o pinguino degli antipodi (hoiho – Megadyptes antipodes) e delle otarie.

Gli scogli di Nugget Point, Catlins, Nuova Zelanda. Autore e Copyright Marco Ramerini

Gli scogli di Nugget Point, Catlins, Nuova Zelanda. Autore e Copyright Marco Ramerini

Dopo aver ripreso l’auto e fatti altri 500 metri, dopo circa 8 km da Kaka Point, si raggiunge il parcheggio dove termina la strada e da dove inizia il sentiero per il faro di Nugget Point. Dopo aver lasciato la vostra auto si prosegue a piedi lungo un ottimo sentiero che in circa 10 minuti (800 metri) raggiunge il faro. Il faro comincia ad apparire appena il sentiero inizia a scendere, poi prima di arrivare davanti al promontorio c’è un piccolo spiazzo da dove si può ammirare il faro e parte degli scogli sottostanti. Una leggera salita raggiunge il faro, che non è visitabile, e poi una piazzola panoramica sospesa da dove si ammira interamente lo spettacolo degli scogli, vere e prorpie pepite di roccia incastonate nell’oceano Pacifico.

Il faro fu costruito nel 1869 e fu messo in funzione per la prima volta nel 1870. Il faro è tutt’ora funzionante. Il nome del faro deriva dagli scogli che lo circondano e che richiamano, solitamente al tramonto e all’alba, nel colore e nell’aspetto delle pepite d’oro immerse nell’oceano. Il luogo è sede di molti uccelli marini, tra cui pinguini, sule e spatole reali (Platalea regia), vi si trova anche una grande colonia riproduttiva di otarie orsine. Nelle acque antistanti il faro possono essere visti delfini, orche e balene (megattere, balene franche australi).

Booking.com
banner
Close
Sottoscrivete il nostro canale YOUTUBE
Se vi piace viaggiare sottoscrivete il nostro canale YOU TUBE di viaggi: